ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vaticano: i cardinali chiusi nel segreto della Cappella Sistina

Lettura in corso:

Vaticano: i cardinali chiusi nel segreto della Cappella Sistina

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è aperto il conclave che porterà all’elezione del prossimo Papa: i 115 cardinali elettori hanno fatto tutto davanti alle telecamere, fino alla chiusura delle porte e dell’inizio, quindi, della fase di segreto assoluto. Riuniti nella sala delle benedizioni, i cardinali elettori si sono trasferiti, in processione, fino alla Cappella Sistina, dove il decano, il cardinal Ratzinger, ha dapprima benedetto ed invitato i presenti alla preghiera, e poi pronunciato la formula del giuramento, ripetuta coralmente da tutti i presenti.

I cardinali, per la prima volta, non saranno costretti a vivere in celle ricavate nelle immediate vicinanze della cappella sistina, ma potranno andare e venire dai loro appartamenti, nella casa di Santa Marta. Cosa che, naturalmente, comporta l’estensione dell’area coperta da segreto. D’ora in poi (e cioè fino a quando il cardinale addetto al protocollo non si sarà affacciato alla loggia centrale della basilica di San Pietro per annunciare il nome dell’eletto), i cardinali sono legati al segreto assoluto. Dopo il giuramento corale, ogni cardinale ha posto la mano destra sul Vangelo, completando con una breve frase la formula del giuramento, seguito per la prima volta in diretta televisiva, e chiedendo la benedizione divina per l’arduo compito. Poi è stato dato l’“extra omnes”, cioè “tutti fuori”, e le porte si sono chiuse.