ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Italia ratifica il mandato d'arresto europeo

Lettura in corso:

L'Italia ratifica il mandato d'arresto europeo

Dimensioni di testo Aa Aa

Anche l’Italia ha ratificato il mandato d’arresto europeo, ultimo paese a farlo: il sì, stentato, della Camera dei Deputati è su un testo profondamente modificato rispetto a quello iniziale, e per questo indigesto all’opposizione secondo la quale si è tradita l’ispirazione stessa del mandato d’arresto europeo. 191 si, 185 astensioni e 13 no, quelli della Lega: l’astensione decisa dall’opposizione ha, di fatto, salvato il provvedimento.

32 i reati previsti dalla norma, che mira a semplificare i solitamente tortuosi procedimenti per l’estradizione: si va dall’associazione a delinquere ai crimini ambientali, dal terrorismo alla frode europea, per i quali non è necessario che il reato sia previsto come tale anche nel paese cui viene chiesto l’arresto. L’autorità del paese ospite deve decidere entro sessanta giorni sulla consegna del ricercato. Il provvedimento, in teoria, avrebbe dovuto essere in vigore per il territorio dell’Unione già dal gennaio 2004.