ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gerusalemme: si inaugura il nuovo museo sulla storia dell'Olocausto

Lettura in corso:

Gerusalemme: si inaugura il nuovo museo sulla storia dell'Olocausto

Dimensioni di testo Aa Aa

Libri, diari, fotografie: 4.200 metri quadrati di esposizione per non dimenticare la Shoah. E’ il nuovo museo di storia dell’Olocausto Yad Vashem. L’inaugurazione, domani a Gerusalemme dopo dieci anni di lavoro.

Con un approccio multidisciplinare, questa struttura è stata concepita per evitare che la Shoah si trasformi in un evento astratto confinato nei libri di storia. Per questo gli oggetti personali diventano protagonisti: devono raccontare la storia pensando a un futuro in cui non ci saranno piú sopravvissuti per farlo. La curatrice, Yeudith Inbar: “Nel nuovo museo dell’Olocausto Yad Vashem, parliamo della Shoah a due livelli: il primo è la storia dei nazisti, ma quello che ci interessa di piú è la prospettiva ebraica, ed è questa la novità sostanziale del museo”. Nove gallerie tematiche testimoniano cronologicamente la vita degli ebrei durante il nazismo, dalla quotidianità nei ghetti, ai campi di concentramento, fino alla resistenza e ai sopravvissuti. A ispirare il museo, non poteva che essere un oggetto: un paio di occhiali offerti alla curatrice da una sopravvissuta, lei a sua volta li aveva ricevuti dalla madre poco prima che venisse uccisa in una camera a gas. La struttura, opera dell’architetto Moshe Safdie, è un complemento del memoriale di Yad Vashem, luogo onorato da tutti i leader stranieri in visita in Israele, qui vediamo il presidente tedesco Horst Koeler. A completare i 180 metri del percorso espositivo, la Sala dei Nomi, un omaggio a tutte le vittime della Shoah. Da lí, fine simbolica del viaggio attraverso l’Olocausto, un balcone aperto sulle colline di Gerusalemme.