ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Siria promette il ritiro dal Libano prima delle elezioni

Lettura in corso:

La Siria promette il ritiro dal Libano prima delle elezioni

Dimensioni di testo Aa Aa

I soldati siriani lasceranno il Libano molto prima di maggio. Lo ha assicurato l’ambasciatore siriano negli Stati Uniti. E a conferma delle buone intenzioni, la prima tappa del ritiro verso la regione di confine della Bekaa, è proseguito anche ieri notte.

L’opposizione insiste sulla fine dell’operazione prima delle elezioni di maggio, ma tutti si rifiutano di fissare una data precisa, anche l’Onu, che in materia si è pronunciata con la risoluzione 1559 del 2 settembre scorso. Il segretario generale Kofí Annan ha dichiarato: “La risoluzione chiede il ritiro, e su questo non posso precisare una data. La risoluzione parla di un ritiro completo e io manderó sul posto il mio inviato per discutere il rientro dei soldati siriani”. E se fino a ieri la piazza era degli anti-siriani, anche la controparte ha avuto ieri il proprio momento di gloria: centinaia di migliaia di filo-siriani hanno invaso il centro di Beirut dietro all’appello degli hezbollah, convinti della necessità di un governo di unità nazionale. E proprio in materia di governo, c‘è attesa sul nome del primo ministro che scorterà il paese alle consultazioni. Il presidente Emile Lahoud oggi a colloquio con il parlamento, potrebbe nominare un filo-siriano, vista l’ampia manifestazione di ieri.