ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hezbollah in piazza in Libano per la Siria e contro le ingerenze esterne

Lettura in corso:

Hezbollah in piazza in Libano per la Siria e contro le ingerenze esterne

Dimensioni di testo Aa Aa

Tocca ai pro-siriani scendere in piazza a Beirut. Dopo i cortei anti-Damasco dei giorni scorsi, scatenate dall’attentato all’ex premier libanese Rafik Hariri, per oggi gli Hezbollah hanno organizzato una manifestazione in sostegno della Siria e per denunciare l’ingerenza dell’Occidente negli affari interni dei due paesi.

È sotto la pressione internazionale, infatti, che Damasco ha avviato il ridispiegamento delle sue truppe di stanza in Libano dal 1976.Ieri alcuni rappresentanti dell’opposizione libanese antisiriana hanno incontrato il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah per discutere delle modalità della dimostrazione, che vorrebbe anche lanciare un segnale contro l’arrivo di altre truppe straniere in Libano una volta terminato il ritiro siriano.Il ridispiegamento, iniziato ieri, dei 14 mila soldati siriani verso la regione della Bekaa, vicino al confine, sarà completato entro fine mese.

È quanto sottoscritto a Damasco dai due presidenti, il siriano Bashar al Assad e il libanese Emile Lahoud. Una partenza a tappe considerata un bluff dall’opposizione, perché non viene fissata nessuna data per il ritiro vero e proprio. Il presidente americano Bush e il francese Chirac hanno confermato, nel corso di una conversazione telefonica, la loro determinazione a ottenere l’applicazione piena della risoluzione Onu che impone il ritiro dal Libano di tutte le forze straniere.