ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una pensionata dà il via alla campagna elettorale in Gran Bretagna

Lettura in corso:

Una pensionata dà il via alla campagna elettorale in Gran Bretagna

Dimensioni di testo Aa Aa

Una pensionata di 69 anni dà fuoco alle polveri della campagna elettorale in Gran Bretagna. Il caso di malasanità che ha coinvolto Margaret Dixon è stato sfruttato dall’opposizione conservatrice per sferrare un violento attacco contro la politica laburista.

A circa due mesi dalla probabile convocazione di elezioni legislative i tabloid britannici si sono butatti a capofitto sulla vicenda. La donna, che si è fratturata una spalal lo scorso agosto, ha affermato che la sua operazione è stata annullata per sette volte per mancanza di un posto letto. L’ospedale chiamato in causa ha però ammesso solo tre rinvii. Per il leader dell’opposizione Michael Howard, che ha organizzato una conferenza stampa a casa dei Dixon, il caso testimonia il fallimento di Blair in materia di riforma della Sanità. Mercoledì Howard aveva denunciato la vicenda alla Camera dei Comuni aggiungendo che la signora Dixon è solo uno dei sessantasettemila pazienti che lo scorso anno si sono visti rinviare l’intervento. Il premier ha replicato alle critiche dalla tribuna del congresso del partito laburista scozzese. Tony Blair si è difeso contrattaccando: “Ricordate in che condizioni era la sanità quando l’abbiamo ereditata dai conservatori nel 1996. E Howard faceva parte di quel governo…” I laburisti calano sul tavolo le cifre dei progressi fatti come la riduzione di un terzo dei tempi d’attesa negli ospedali negli ultimi sei anni. Dati parzialmente offuscati dall’impennata delle morti di pazienti che hanno contratto infezioni in ospedale. La controffensiva mediatica laburista è stata affidata al ministro della Sanità John Reid che si è recato in visita in un ospedale.Tra strette di mano e sorrisi ai ricoverati Reid ha accusato i Tories di voler ridurre i fondi per la Sanità. Dalla vicenda per ora ne esce vincitrice la signora Dixon che ha ricevuto la promessa di essere operata entro la fine del mese.