ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La diretttiva sui servizi subirà un lifting

Lettura in corso:

La diretttiva sui servizi subirà un lifting

Dimensioni di testo Aa Aa

La commissione europea ha fatto un passo indietro e accettato di rivedere la controversa direttiva sui servizi. La norma non si applicherà alla sanità e ai servizi pubblici. Sarà modificata anche la clausola che consente ad un’impresa di offrire prestazioni in altro paese mantenendo le regole per i propri impiegati del paese d’origine. Il nuovo commissario al mercato interno Charlie McCreevy ha negato di voler ritirare il progetto ma ha precisato:

“Abbiamo bisogno di emendare il testo per evitare conseguenze negative sulle condizioni di lavoro. Non sosterró una direttiva che promuove il dumping sociale” Servizi come il parrucchiere costano nell’est europeo un terzo rispetto all’Europa occidentale. Immaginate dunque un artigiano slovacco che si sposta in Austria, e offre i sui servizi secondo le regole e i prezzi slovacchi. Secondo i sindacati e la sinistra europea la norma creata da Frits Bolkestein, il precedente commissario al mercato unico, creerà forti squilibri sociali. Spetterà dunque al parlamento europeo studiare gli emendamenti da apportare la alla riforma, considerata fondamentale per il settore dei servizi che genera il 70% del prodotto interno lordo europeo.