ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'auto-proclamato presidente del Togo si è dimesso


mondo

L'auto-proclamato presidente del Togo si è dimesso

Faure Gnassimbé, salito al potere venti giorni fa alla morte del padre Eyadema che ha guidato il paese per 38 anni, ha ceduto alla pressione internazionale e ha lasciato il potere per candidarsi alle elezioni.

Gnassimbé ha fatto appello al dialogo e ha promesso di organizzare consultazioni “aperte a tutti”. L’annuncio è arrivata giusto in tempo per la visita, oggi, in Togo di una rappresentanza della Comunità degli Stati dell’Africa Occidentale che aveva imposto sanzioni contro il paese. Le misure, consistenti fra l’altro nel blocco della libertà di movimento dei leader politici e dei diplomatici, sono state subito revocate. Soddisfazione è stata espressa dal segretario generale dell’Onu Kofi Annan. L’opposizione, che dal 7 febbraio scorso grida al colpo di stato, chiede che sia reintegrato il vecchio presidente del parlamento, che dopo la salita al potere di Faure Gnassimbé si è rifugiato all’estero La Costituzione prevede infatti che la reggenza dello Stato spetti al presidente dell’assemblea legislativa, carica assunta – al momento dell’esilio del titolare – da un fedelissimo di Gnassimbé. Le elezioni dovrebbero tenersi prima della fine di aprile. Resta da vedere se anche i candidati dell’opposizione vi prenderanno parte attiva.
Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Sembrano aprirsi nuovi scenari in Libano.