ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attacchi kamikaze contro moschee sciite nel venerdì di preghiera dell'Ashura

Lettura in corso:

Attacchi kamikaze contro moschee sciite nel venerdì di preghiera dell'Ashura

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel giorno dell’Ashura Baghdad è stata scossa da attentati antisciiti.

Un primo attacco kamikaze contro una moschea ha fatto almeno 14 morti e una quarantina di feriti. Qualche ora dopo, un’altra esplosione ha scosso un’altro tempio sciita. Anche in questo caso un kamikaze si è fatto esplodere uccidendo almeno tre persone e ferendone cinque. I timori per possibili attacchi nel venerdì di preghiera dell’Ashura hanno fatto rafforzare le misure di sicurezza e per precauzione sono state chiuse le frontiere per cinque giorni ai pellegrini provenienti dall’Iran. A rafforzare i timori il fatto che quest’anno la ricorrenza del calendario sciita, le cui celebrazioni culminano domenica, è caduta all’indomani della conferma ufficiale della vittoria di questa parte politica alle elezioni del 30 gennaio. Nel 2004, nella stessa occasione, in diversi attentati kamikaze, messi a segno sempre da militanti sunniti, trovarono la morte oltre 170 persone a Kerbalà e a Najaf. Mentre stamani a Baghdad si svolgeva la processione di commemorazione per il martirio dell’Imam Hussein, veniva diffusa la notizia di altri due giornalisti, questa volta di nazionalità indonesiana, rapiti a Ramadi.