ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Freddo polare nell'Europa centrale e orientale: morti e disagi

Lettura in corso:

Freddo polare nell'Europa centrale e orientale: morti e disagi

Dimensioni di testo Aa Aa

Temperature polari e casi di morte per congelamento in tutta l’Europa centrorientale. In Romania il termometro è sceso a -35 gradi: non era mai stato cosi’ freddo dagli anni ’30. Pochi giorni fa almeno due persone sono morte in una tempesta di neve che ha bloccato il sud del paese. Ghiaccio anche in Croazia, dove le temperature sono scese a -20 gradi. Nella vicina Bosnia si sono toccati i -30. Sei le persone morte per ipotermia nei due paesi. Preoccupazione per l’ospedale di Banja Luka, rimasto senza riscaldamento da tre giorni.

E nel fiume Drava, un affluente del Danubio, alcune barche sono rimaste bloccate nel ghiaccio.Il Danubio stesso è ghiacciato almeno per il 40% in Bulgaria.Il freddo siberiano ha abbattuto un record assoluto nella Bulgaria centrale, che ha registrato i -34 gradi. In tutto il paese la media è di -20. Le strade sono impraticabili: due malati sono morti perchè le ambulanze non hanno potuto raggiungerli.In Polonia, nella regione montuosa nel sud est del paese tra lunedi’ e martedi’ la temperatura è scesa a -32 gradi. Non è stato raggiunto tuttavia il record della regione, -37 gradi registrati nel 1996.