ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: la protesta dei pensionati

Lettura in corso:

Russia: la protesta dei pensionati

Dimensioni di testo Aa Aa

È stata una protesta per molti aspetti sorprendente, quella dei pensionati russi: tra l’altro perché si tratta dello zoccolo duro dell’elettorato del presidente Putin, e poi perché, per cultura, non erano proprio abituati alle proteste di piazza. Gli ultra-sessantacinquenni, i pensionati, hanno passato gran parte della vita sotto il regime sovietico, che comprimeva le libertà ma in cambio garantiva tutta l’assistenza necessaria a sopravvivere. Abituarsi a un altro modo di vivere non è facile, per gli oltre 33 milioni di pensionati, il 13,7% della popolazione totale. La pensione media vale più o meno 60 euro, la metà di un salario medio. Finora sopravvivevano grazie al tipo di assistenza ereditato dall’era sovietica: lo Stato pagava una parte importante di affitto, acqua, elettricità, e la totalità delle spese mediche e dei trasporti pubblici. L’esborso per le casse statali, per l’assistenza sociale, è di circa 21 miliardi di euro: il governo vorrebbe risparmiarne 6, attraverso il sistema delle compensazioni finanziarie, tra 5 e 94 euro al mese, invece dell’assistenza automatica. I pensionati naturalmente hanno fatto i loro calcoli, per giungere alla conclusione che il nuovo sistema non va bene. È il caso di Antonina Korshukova, 58enne che vive con la madre di 78 anni. La sua pensione vale meno di 32 euro, ne paga quasi 33 d’affitto. Di questi, finora lo stato ne pagava la metà. Ora, lei e sua madre ricevono 26 euro ciascuna di compensazione. “Questa compensazione cos‘è? – si chiede – dovrebbe coprire tutto, compresi i viaggi alla casa di cura, ma è semplicemente ridicolo. Ovviamente non basterà per me: so già che dovrò lavorare fino al giorno della morte. Che Dio mi conceda mani forti per guadagnare qualcosa“Il problema non è semplice: prendiamo ad esempio i trasporti pubblici. Oggi nelle grandi città sono più i passeggeri esentati di quelli che pagano il biglietto. Ma le compensazioni previste per i trasporti sono in media intorno ai cinque euro, mentre l’abbonamento mensile a Mosca ne costa 28. La protesta rischia di durare ancora a lungo.