ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gb, 30 anni dopo riabilitati i "quattro di Guilford"

Lettura in corso:

Gb, 30 anni dopo riabilitati i "quattro di Guilford"

Dimensioni di testo Aa Aa

Una condanna ingiusta e un calvario giudiziario, che si conclude con una pubblica ed emozionata richiesta di scuse. A 30 anni dai fatti il premier britannico Tony Blair parla della vicenda del cosiddetto “Gruppo di Guilford”:

“Riconosco il trauma causato dalla carcerazione alle famiglie Conlon e Maguire, e i segni che da allora subiscono. Sono dispiaciuto per questa grande ingiustizia, per questo voglio presentare queste scuse. Meritano di venire totalmente e pubblicamente riabilitati”. A commentare le parole del premier Gerry Conlon, vittima del clamoroso errore giudiziario insieme al padre Giuseppe, morto durante la detenzione. Per Conlon il dispiacere espresso da Blair è sincero, ed arriva dopo che il primo ministro ha ascoltato tutte le voci. Secondo l’accusa gli imputati sarebbero stati collegati all’Ira, l’esercito repubblicano irlandese, che rivendicò le bombe collocate in un quartiere del sud-est di Londra e che causarono cinque morti e più di 100 feriti. La vicenda divenne infine un caso internazionale con l’uscita del film “Nel nome del padre”, ispirato alla storia di Gerry e Giuseppe Conlon.