ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Conflitto di interessi alle Nazioni Unite

Lettura in corso:

Conflitto di interessi alle Nazioni Unite

Dimensioni di testo Aa Aa

Conflitto di interessi e forse corruzione al Palazzo di Vetro. Benon Sevan, un alto funzionario dell’Onu, avrebbe abusato della carica di direttore del piano umanitario per l’Irak “Petrolio in cambio di cibo” per ottenere diritti petroliferi.Queste le accuse lanciate dal primo rapporto della commissione che sta indagando il programma. L’inchiesta potrà durare mesi. A capo della commissione Paul Volcker, ex presidente della Federal Reserve americana. “Penso sia un fatto – ha detto – che Sevan fosse in conflitto di interessi”.

Benon Sevan è un diplomatico ciprota di origini armene. E’ stato a capo del programma “Petrolio in cambio di cibo” dal 1997 al 2003. Ha negato qualsiasi responsabilità, dichiarandosi un capro espiatiorio.Il segretario delle Nazioni Unite Kofi Annan ha aperto ora un processo disciplinario nei suoi confronti e annunciato di essere pronto a revocare l’immunità diplomatica in caso di colpevolezza. Da chiarire tuttavia anche la legalità dei contratti ottenuti da una società svizzera per cui lavorava il figlio di Kofi Annan.

Lanciato dalle Nazioni Unite nel 96 per aiutare i civili iracheni durante l’embargo il programma “Petrolio in cambio di cibo” permetteva a Bagdad di vendre il grezzo per comprare prodotti di prima necessità. Tutti i contratti dovevano pero’ essere approvati da un comitato dell’Onu.