ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dopo elezioni in Iraq, i sunniti contestano la regolarità del voto

Lettura in corso:

Dopo elezioni in Iraq, i sunniti contestano la regolarità del voto

Dimensioni di testo Aa Aa

Le elezioni irachene si sono svolte in modo irregolare.Così i sunniti. Che dopo aver chiesto di boicottare le consultazioni, gettano le fondamenta di nuove divisioni. Secondo un alto responsabile dell’Associazione dei religiosi sunniti, l’assemblea nazionale e il governo che usciranno dal voto di domenica non hanno alcuna legittimità e perciò i sunniti non parteciperanno alla elaborazione della Costituzione e ha precisato che non si può elaborare la legge fondamentale di un paese che è sotto occupazione. La partenza delle truppe straniere non è comunque prossima, come ha confermato lo stesso presidente Al Yawar ribadendo che i militari partiranno solo quando nel paese sarà garantita la stabilità.

A Baghdad intanto sono iniziate le operazioni di spoglio, anche se gli sciiti cantano vittoria. Sono state scrutinate circa 11 mila schede, ma per motivi di sicurezza al centro nazionale elettorale è giunto fino a questo momento solo un terzo delle urne. Lo spoglio delle schede dovrebbe terminare al più tardi all’inizio della prossima settimana.