ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fiat- GM: c'è tempo fino al 2 febbraio per trovare un accordo

Lettura in corso:

Fiat- GM: c'è tempo fino al 2 febbraio per trovare un accordo

Dimensioni di testo Aa Aa

Da oggi ogni momento sarebbe stato buono per far valere il diritto di vendere l’intera Fiat Auto all’americana General Motors. Ma a Torino hanno deciso di fermare gli orologi fino al 2 febbraio, giorno in cui scatterà la possibilità di esercitare la put option.

Ma nei fatti difficilmente gli americani della Gm sbarcheranno sulle rive del Po. L’alternativa, piuttosto, si giocherà fra il raggiungimento di un accordo o la soluzione del caso davanti ad un tribunale. L’ipotesi più probabile è che i due costruttori – che hanno firmato nel marzo del 2000 un’alleanza finanziaria e industriale alla fine concordino una transazione finanziaria intorno a un miliardo di dollari, a favore di Torino. Il problema è che Rick Wagoner, numero uno della Gm, e Sergio Marchionne, amministratore delegato del Lingotto, non sono ancora riusciti a trovare i numeri giusti per uscire dalla trattativa iniziata oltre un anno fa. Netti i punti di scontro: General Motors accusa la Fiat di avere stravolto i termini dell’accordo siglato nel marzo del 2000. Secondo Detroit, il Lingotto non è stato ai patti con la vendita del 51 per cento di Fidis al gruppo di banche che hanno garantito il prestito di 3 miliardi e con la ricapitalizzazione di Fiat Auto. Per Fiat invece il problema non esite in quanto su Fidis c‘è una promessa di acquisto