ULTIM'ORA

Il Club di Parigi decide il congelamento del debito dei paesi disastrati dallo tsunami

Lettura in corso:

Il Club di Parigi decide il congelamento del debito dei paesi disastrati dallo tsunami

Dimensioni di testo Aa Aa

Di fronte alle richieste dell’Onu per il sud-est asiatico i governi hanno aperto il portafoglio. Ieri a Ginevra alla conferenza dei donatori hanno accettato di versare immediatamente aiuti per oltre mezzo miliardo di euro, vale a dire il 70% dei contributi che l’Onu aveva chiesto per i primi interventi di emergenza.

Jan Egeland, responsabile del settore aiuti, si è congratulato per i tempi record: “717 milioni di dollari sono stati concretamente impegnati, ha detto. Non era mai successo di avere così presto a disposizione una tale somma da spendere nell’immediato”. I contributi promessi a vario titolo e con scadenze diverse ammontano in totale a circa sette miliardi e mezzo di euro. In passato, in occasione di altre crisi, gli impegni non sono mai stati rispettati integralmente. E oggi, alla riunione del Club di Parigi, l’organizzazione dei principali paesi creditori mondiali, si è deciso su proposta della Francia il congelamento del debito delle nazioni colpite dal maremoto.