ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Emergenza tsunami: si apre a Ginevra la conferenza dei paesi donatori

Lettura in corso:

Emergenza tsunami: si apre a Ginevra la conferenza dei paesi donatori

Dimensioni di testo Aa Aa

Far arrivare gli aiuti alle vittime dello tsunami rapidamente e senza sprechi: è l’obiettivo della conferenza internazionale oggi a Ginevra dei paesi donatori, organizzata dall’Onu. Le Nazioni Unite, che coordineranno gli aiuti, hanno chiesto 977 milioni di dollari per soccorrere cinque milioni di persone per i prossimi sei mesi nelle zone sinistrate. Sinora c‘è l’impegno per una cifra ben superiore, oltre due miliardi e mezzo. Diverse organizzazioni umanitarie, da subito sul terreno per la distribuzione di generi alimentari e sanitari, temono però che non tutti manterranno le promesse. Per questo L’Onu invita a tenere fede alla parola data.

Sulla trasparenza della gestione dei fondi si occuperà a titolo gratuito, una società americana, anche per scongiurare il ripetersi di episodi di mala gestione che già hanno visto protagonista l’Onu. Oggi comunque le Nazioni Unite rinnoveranno l’appello ai paesi donatori perché non dimentichino le altre crisi umanitarie, in Africa soprattutto. Crisi che toccano 26 milioni di persone e per le quali l’Onu ha chiesto un miliardo e settecento milioni di dollari. A Ginevra sono presenti tra gli altri 250 rappresentanti degli undici paesi colpiti dal maremoto. A presiedere i lavori Jan Egeland, coordinatore Onu delle operazioni d’emergenza.