ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A metà giornata oltre il 25% dei palestinesi ha votato alle presidenziali

Lettura in corso:

A metà giornata oltre il 25% dei palestinesi ha votato alle presidenziali

Dimensioni di testo Aa Aa

I palestinesi al voto per scegliere il successore di Yasser Arafat che sarà con ogni probabilità Mahmud Abbas. Il candidato di al Fatah ha votato alla Muqqata. A Ramallah ha deposto la scheda anche il suo principale avversario, l’indipendente Mustapha Barghuti.

Alcuni problemi si sono verificati ai seggi e lo stesso direttore di campagna di Abbas ha denunciato “gravi errori” commessi dalla commissione elettorale. Per esempio per chi non è iscritto sulle liste era stata prevista la possibilità di votare presentando solo la carta d’identità. Ma alcuni presidenti di seggio non hanno concesso questa facoltà. Altre difficoltà, secondo il portavoce dell’ufficio elettorale palestinese, ci sono state ai check point israeliani, non tutti rimossi come aveva promesso il governo Sharon. Per questo è stato deciso di prolungare di due ore l’apertura dei seggi fino alle ventuno. Sulle operazioni di voto vigilano 20 mila osservatori locali e 800 osservatori internazionali. Tra questi l’ex primo ministro francese Michel Rocard e l’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter. Dopo aver chiesto il boicottaggio dello scrutinio Hamas ha spezzato una lancia a favore del prossimo presidente palestinese. Il portavoce del movimento radicale Mahmud Azzahar ha detto di aver inviato ad al Fatah un documento volto a concordare una piattaforma politica. Nel campo profughi di Jenin miliziani delle brigate al Aqsa si sono recati alle urne dicendo di voler votare per Abbas.