ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tsunami: l'Unicef chiede di evitare le adozioni

Lettura in corso:

Tsunami: l'Unicef chiede di evitare le adozioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono i bambini della generazione Tsunami, sopravvissuti al maremoto nell’Oceano Indiano, ad essere ora a maggior rischio. L’allarme è stato lanciato dall’Unicef.Un primo caso ha già coinvolto un bimbo svedese di 12 anni, rimasto orfano. Kristian, che si trovava in un ospedale in Thailandia, è scomparso. Poco prima sparire il bimbo era in compagnia di un uomo tedesco. Poi piu’ nulla.Il timore è proprio che i bambini in questa catastrofe diventino facile preda di trafficanti di varia natura. Anche le adozioni sono sconsigliate dalle organizzazioni umanitarie.” Bisogna lasciarli nel proprio paese – spiega Marie Calosci, di Azione e Aiuto- è li’ che hanno la possibilità di costruire il proprio futuro. Possiamo comprendere lo slancio di solidarietà dietro alle adozioni. Ma bisogna pensare al loro avvenire, e penso che il futuro sia nel loro paese”. I piccoli non potranno essere adottati all’estero fino a che non sarà accertato che i parenti della famiglia di origine non possono prendersi cura di loro.