ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Notte di Natale a Betlemme e in Vaticano

Lettura in corso:

Notte di Natale a Betlemme e in Vaticano

Dimensioni di testo Aa Aa

Nelle città simbolo del Natale, la notte della Natività è stata celebrata nel segno della pace nel mondo.A Betlemme, migliaia di persone si sono riunite già nel pomeriggio di ieri. Nella città, che ha visto nascere Gesù, l’auspicio è che il 2005 porti a una ripresa del processo di pace in Medio Oriente.

Nella basilica della natività, per la messa di mezzanotte, era presente anche il capo dell’Olp, il moderato Abu Mazen (Mahmud Abbas), e il presidente ad interim dell’autorità nazionale palestinese Rawhi Fattuh. E l’esercito israeliano, in segno di buona volontà, ha allentato i controlli fra Gerusalemme e Betlemme, per consentire l’afflusso del maggior numero possibile di fedeli. In Vaticano, in una basilica di San Pietro gremita di fedeli, ha lanciato un appello alla pace anche Giovanni Paolo II. Che ha ricordato: “l’Umanità segnata da tante prove e difficoltà ha bisogno di Dio”. Karol Wojtyla, sorridente e in discreta forma, malgrado i suoi problemi di salute, è riuscito a leggere tutta l’omelia. Dopo di che si è inginocchiato per alcuni minuti raccogliendosi in preghiera. Ricordando che il Natale che non è solo favola e canti di poesia ma è anche una realtà di miserie, povertà e emarginazione.