ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Blair in Medio Oriente prepara la Conferenza di Londra

Lettura in corso:

Blair in Medio Oriente prepara la Conferenza di Londra

Dimensioni di testo Aa Aa

Rilanciare la Road Map per la pace tra israeliani e palestinesi già a partire dalla Conferenza in programma a Londra il prossimo febbraio. E’ lo scopo della missione in Medio Oriente del premier britannico Tony Blair, che ha incontrato i massimi esponenti delle due parti.

Dopo aver compiuto una breve sosta sulla tomba dello scomparso leader Yasser Arafat a Ramallah, il capo del governo britannico ha incontrato i giornalisti unitamente a Mohamud Abbas, presidente dell’Olp e candidato di al-Fatah alle elezioni del nove gennaio. “I palestinesi sono impegnati nella prospettiva della road map, anche facendo importanti concessioni. Tocca a Israele mostrare la stessa disponibilità”, ha detto Abbas, che in precedenza aveva incontrato anche il ministro degli esteri italiano Fini. “C‘è un grande senso di speranza, quella che si possano fare dei passi in avanti. Tutti però sappiamo quanto sia difficile tradurre ciò nella realtà”. La Conferenza di Londra, ha detto Blair, non sostituisce altri livelli di trattativa. Dell’incontro previsto nella capitale britannica Blair aveva parlato anche con il primo ministro israeliano Sharon. Israele ha annunciato che sosterrà la Conferenza ma non vi prenderà parte. “Bisogna fermare il fuoco del terrore per andare avanti.Non bastano le promesse e le parole. Se si mette fine al terrorismo le porte del governo sono aperte alla Road Map”, ha detto Sharon. Sharon ha confermato a Blair l’intenzione di ritirare unilateralmente le forze dalla Striscia di Gaza, aggiungendo che se finiranno le azioni violente “il disimpegno da Gaza non sarà l’ultima iniziativa”.