ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Turchia ha accettato le condizioni europee. Compromesso su Cipro

Lettura in corso:

La Turchia ha accettato le condizioni europee. Compromesso su Cipro

Dimensioni di testo Aa Aa

Accordo raggiunto tra Unione Europea e Turchia. I negoziati inizieranno il 3 ottobre sotto la presidenza britannica, fervente sostenitrice dell’adesione di Ankara.

Per il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan è una giornata storica, si tratta di un successo su tutta la linea per la Turchia che, ha ribadito il premier in conferenza stampa, ha compiuto enormi sforzi per avvicinarsi all’Europa. La Turchia firmerà il protocollo che estende anche ai nuovi membri e dunque a Cipro, l’accordo commerciale e doganale. Ma questo, ha precisato il primo ministro turco, non implica un riconoscimento del governo greco-ciptriota. Poco prima anche il presidente di turno dell’Unione europea, il primo ministro olandese Jan Peter Balkenende lo aveva sottolineato in altra sede: “Sappiamo che da un punto di vista giuridico, non si puó parlare di riconoscimento formale, con valore legale- ha detto Balkenende. Non siamo a questo punto, ma certo questo accordo è un passo avanti che permetterà di fare progressi sul campo” Se i capi di stato e di governo esultano per il raggiungimento di un faticoso compromesso, l’opinione pubblica europea resta piuttosto scettica sull’adesione della Turchia. Il cancelliere austriaco Wolfang Schuessel, tra i piú contrari, ha dichiarato che organizzerà un referendum sull’ingresso della Turchia nell’Unione europea. Anche la Francia in precendenza aveva annunciato un referendum.