ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Riduce i rifiuti ma ostacola la concorrenza. Condannata una legge tedesca

Lettura in corso:

Riduce i rifiuti ma ostacola la concorrenza. Condannata una legge tedesca

Dimensioni di testo Aa Aa

La corte di giustizia europea ha condannato la legge tedesca anti-rifiuti. Il sistema tedesco obbliga i produttori a riprendersi le bottiglie vuote di plastica dopo la vendita. Questo principio si applica anche ai produttori stranieri. Ad esempio un’azienda italiana deve recuperare i contenitori di bibite vendute in Germania. Secondo i magistrati europei la legge é contraria alla concorrenza perché genera alti costi.

Soddisfatta la commissione europea che aveva portato il caso davanti alla corte. Il portavoce del commissario all’industria Verheugen ha sottolineato che spetterà ora alla Germania rivedere la legge perché rispetti il principio della libera concorrenza. Sotto accusa infatti non é l’ispirazione ecologica della legge ma la sua applicazione. Il sistema è entrato in vigore nel 2003. Ma la Germania non ha una rete nazionale di raccolta dei vuoti, quindi ogni negozio riprende solo i contenitori delle bibite che ha venduto. Di fatto i commercianti acquistano prevalentemente bevande tedesche, che saranno riciclate dagli stessi produttori in Germania, e in tempi brevi. Mentre il recupero da parte di aziende estere è molto piú lento e difficile.