ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irlanda del Nord, processo di pace in stallo. Blair: "Sforzi importanti ma non completi"

Lettura in corso:

Irlanda del Nord, processo di pace in stallo. Blair: "Sforzi importanti ma non completi"

Dimensioni di testo Aa Aa
“Gli sforzi finora fatti per rilanciare il processo di pace in Irlanda del Nord sono rilevanti, ma non sono ancora completi”. Lo ha detto il premier britannico Tony Blair incontrando la stampa a Belfast, assieme al suo omologo irlandese Bertie Ahern, al termine di un incontro rivolto a far ripartire le trattative tra cattolici e protestanti. “Ci deve essere uno stop completo e definitivo di tutte le attività paramilitari. Nel quadro degli accordi, l’Ira si trasformerà in un soggetto nuovo e pacifico. C‘è un’intesa sul disarmo, che dovrà completarsi entro Natale”, ha detto Blair. Proprio le questioni legate al disarmo avevano offerto ai protestanti l’occasione per irrigidire le proprie posizioni, fino al punto di chiedere all’Ira le prove fotografiche della distruzione degli arsenali. “E’ evidente che l’Ira non sta disarmando. Nulla delle procedure per il disarmo è messo in pratica. Niente. Non solo le fotografie… Non si tratta di quello, avere le foto o no, ma non stanno facendo niente”, ha ripetuto Ian Paysley, leader unionista. Il processo di pace in Irlanda del Nord, nato dagli accordi del venerdi santo del 1998, si trova ad un punto morto dall’ottobre del 2002, quando a causa di gravi dissensi politici, Londra sospese le istituzioni gestite insieme da protestanti e cattolici.