ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Referendum dei socialisti francesi sulla costituzione europea

Lettura in corso:

Referendum dei socialisti francesi sulla costituzione europea

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo tre mesi di aspri dibattiti il primo partito d’opposizione del paese voterà stasera per decidere se fare campagna a favore o contro la costituzione europea, argomento su cui i francesi dovranno esprimersi nel secondo semestre del 2005. François Hollande, segretario del partito socialista, è un europeista convinto: “Dopo la rielezione di George W.Bush per altri quattro anni non possiamo assumerci al responsabilità di mettere l’Europa fuori gioco.”

Il suo avversario Laurent Fabius, ha sempre fatto dello scetticismo nei confronti della carta europea un cavallo di battaglia. Tra l’altro nell’esagono questa consultazione servirà a stabilire anche chi comandi davvero in casa socialista: “ Volete andare verso una’Europa sociale, impegno che ci siamo assunti come socialisti, o verso un ‘Europa liberale?”

Un esito negativo da parte del primo partito d’opposizione francese potrebbe compromettere da un lato la ratifica del trattato da parte della Francia e dall’altro avere ripercussioni nel dibattito in seno alla sinistra europea che si dice a favore: “La costituzione permette grandi passi in avanti in alcuni campi – spiega il deputato socialista europeo Miguel Angel Martinez – dei progressi meno evidenti in altri. Ma non presenta nessun ostacolo per avanzare verso un Europa sociale.” Dello stesso parere il capogruppo dei socialisti europei Nicola Zingaretti: “E’ profondamente sbagliato non cogliere questa straordinaria opportunità”. Un no francese isolerebbe il partito dal resto della sinistra europea a favore della Costituzione. L’orientamento dei socialisti transalpini sarà noto a partire dalla mezzanotte.