ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo, sciolto il parlamento. Verso elezioni anticipate

Lettura in corso:

Portogallo, sciolto il parlamento. Verso elezioni anticipate

Dimensioni di testo Aa Aa

Resta in carica per l’ordinaria amministrazione, il governo portoghese di Pedro Santana Lopez. Il presidente della repubblica Jorge Sampaio ha sciolto il parlamento ed ha indetto elezioni anticipate, che probabilmente si terranno a febbraio 2005.

L’inattesa decisione del capo dello stato arriva dopo le polemiche dimissioni del ministro per lo sport, Henrique Gouveia, in precedenza aggiunto del premier, che sostiene di essere stato silurato in forma sleale. Fonti vicine a Sampaio sostengono che il primo ministro non sia più nelle condizioni di guidare il paese, mancando dei requisiti politici necessari. Il terremoto politico di queste ore mette a rumore i partiti e i gruppi parlamentari, in fermento già da quattro mesi, quando la nomina alla Commissione europea del primo ministro Barroso portò alla nascita del governo guidato da Santana Lopez. “Siamo pronti per garantire al paere un cambiamento politico”, dice José Socrates, segretario generale del partito socialista, che si è detto pronto anche ad affrontare le elezioni anticipate. Soddisfazione per l’ufficializzazione della crisi viene anche da Fransisco Losà, del Bloco de esquerda. “Ridare ai portoghesi il diritto di scegliere il governo: una cosa che si sarebbe dovuta fare quattro mesi fa”. In vista del rinnovo anticipato del parlamento, le forze politiche hanno già cominciato a muoversi. Un sondaggio di qualche giorno fa, pubblicato dai media, attribuisce al partito socialista il 40% delle intenzioni di voto, e alla destra di Santana Lopes il 32.