ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

YUKOS: GAZPROM SI FA AVANTI PER ACQUISTO FILIALE.

Lettura in corso:

YUKOS: GAZPROM SI FA AVANTI PER ACQUISTO FILIALE.

Dimensioni di testo Aa Aa

La notizia era nell’aria:il gigante russo del gas Gazprom ha confermato le indiscrezioni dei giorni scorsi candidandosi all’acquisto di Yuganskneftgaz, la principale filiale del travagliato gruppo petrolifero Yukos, messa all’asta per dal fisco moscovita per coprire tasse non pagate.

“I nostri consulenti della Deutsche Bank, ha detto il capo della filiale petrolifera della Gazprom Serghei BAGDAN-CEKOV,ci consigliano l’acquisto della Yugansk-neft, per formare un gruppo energetico di livello mondiale” In effetti la mossa annunciata rappresenta una grossa svolta strategica per Gazprom: il colosso del gas punta a crescere in modo sostanziale nel proficuo business dell’estrazione del greggio. Al momento la sua filiale petrolifera Gazprom-neft è solo la quinta tra i principali produttori russi di oro nero.La prima è proprio la Yukos controllata dall’oligarca Mikhail Khodorovski, da tredici mesi in carcere per evasione fiscale. Ma a differenza della Yukos, Gazprom è una società fermamente nell’orbita del Cremlino che ne possiede il 38% delle azioni. Il 76,79% di Yugansk-neft-gaz sarà in vendita dal 19 dicembre prossimo al miglior offerente, ad un prezzo di partenza di 8 miliardi di euro, inferiore almeno di un terzo al suo valore di mercato, a giudizio degli analisti. Finora nessuna compagnia straniera ha avuto il coraggio di mettersi in pista, nel timore di trovarsi invischiata in spinosissimi contenziosi giudiziari e politici. Per il consiglio di amministrazione di Yukos, ormai rassegnato a dichiarare la bancarotta o la liquidazione della società, l’asta per la vendita di Yugansk-neft-gaz è un “esproprio ingiustificato da parte dello stato russo”.