ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Ucraina piatto forte del vertice Unione Europea-Russia oggi all'Aja

Lettura in corso:

L'Ucraina piatto forte del vertice Unione Europea-Russia oggi all'Aja

Dimensioni di testo Aa Aa

Non è piaciuta a Bruxelles l’accelerazione decisa dalla commissione elettorale ucraina. A poche ore dal vertice Unione europea-Russia, che si terra questa mattina all’Aja, il presidente della commissione Jose Manuel Barroso ha voluto lanciare un segnale a Mosca che ha sempre preso partito per Yanukovich.

“Dobbiamo dire forte e chiaro- ha affermato Barroso – che non siamo soddisfatti del modo in cui si sono svolte le elezioni in Ucraina. Lo diciamo con l’obiettivo di trovare una soluzione, per evitare una polarizzazione e per evitare la violenza. Questa dichiarazione deve essere vista in uno spirito costruttivo. In questo senso trasmetteremo il messaggio alle autorità russe” Ieri l’alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera si è intrattenuto telefonicamente con Kuchma, Yushenko e Yanukovich. Javier Solana ha chiesto a tutti gli attori della crisi ucraina di trovare una soluzione negoziata. “La commissione elettorale ha presentato i risultati senza tenere conto, secondo noi, dei brogli che ci sono stati. Stiamo studiando il da farsi, ma una cosa è sicura. Le relazioni tra l’unione europea e l’Ucraina saranno condizionate dal loro rispetto delle regole democratiche”, ha ammonito Solana. L’affondo finale alle certezze espresse a Kiev dai certificatori del voto è arrivato dal segretario di stato americano. “Se il governo ucraino non risponde immediatamente e responsabilmente – ha detto Colin Powell – ci saranno conseguenze sulle relazioni bilaterali, sulle speranze ucraine di un’integrazione euro-atlantica e ci sarà anche un seguito legale per chi sarà riconosciuto colpevole di frode”.