ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vola l'euro ma nessuno interviene

Lettura in corso:

Vola l'euro ma nessuno interviene

Dimensioni di testo Aa Aa

Una corsa senza freni e senza fine. L’euro batte un record al giorno nei confronti del dollaro: l’allarme è palpabile ma dalla sala cambi delle principali banche europee giunge un invito alla calma. Niente isterismi, raccomanda questo analista tedesco della Deutsche Bank

“È vero l’euro ha superato quota 1,31 ma a gennaio era già a 1,28. Se osserviamo bene non è cambiato granchè. Gli effetti negativi della sua corsa sono, tutto sommato, contenuti”. Se Francoforte mantiene i nervi saldi altrove la temperatura sale. Perchè le cifre possono essere lette anche in un altro modo. Nel maggio del 2001 l’euro era scambiato a 0,8450 nei confronti del dollaro. Operato il sorpasso la moneta unica europea non si è più fermata. Sono molte le cause del deprezzamento del biglietto verde. Da ultima ci si è messa anche la Banca Centrale Russa, aumentando dello 0,5% le proprie riserve in euro e diminuendo quelle in dollari. Europa e Stati Uniti invece si guardano bene dall’intervenire anche se per ragioni opposte. Alan Greenspan, presidente della Federal Reserve e Jean Claude Trichet, numero uno della Banca Centrale Europea, lasciano che l’euro voli e il dollaro coli a picco. Perchè un dollaro debole serve a Washington per mettere a posto i propri deficit e perchè la BCE è convinta che un semplice intervento sul mercato dei cambi non serva.