ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq: ancora violenze, domani il verti di Sharm el Sheikh

Lettura in corso:

Iraq: ancora violenze, domani il verti di Sharm el Sheikh

Dimensioni di testo Aa Aa

Non è solo questione di debiti: l’Iraq ha bisogno di pace per ripartire, e se ne discute domani a Sharm el Sheikh, in Egitto: intorno a un tavolo, si troveranno per la prima volta i paesi che hanno partecipato alla guerra, o hanno inviato truppe successivamente, e quelli che l’hanno osteggiata. Ci saranno l’ONU, i paesi del g8, l’Unione Europea, la Lega Araba. In Iraq la sequela di attentati, autobombe, sabotaggi agli oleodotti insanguina e impoverisce il paese ogni giorno di più.Si vota a fine gennaio, ma è evidente che un nuovo governo non basterà: per questo, a Sharm El Sheikh si troverà probabilmente un compromesso, una dichiarazione che ribadisca il carattere provvisorio della presenza di truppe straniere, e che nello stesso tempo impegni i paesi vicini – Iran, Siria, Kuwait, Arabia Saudita, Giordania e Turchia – a impedire l’infiltrazione di terroristi.