ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dexia-Sanpaolo Imi: fusione imminente

Lettura in corso:

Dexia-Sanpaolo Imi: fusione imminente

Dimensioni di testo Aa Aa

Sta per nascere la quarta banca della zona euro. È imminente la fusione tra la franco-belga Dexia e la torinese Sanpaolo Imi. I due istituti confermano i contatti ma, per il momento, non fissano la data delle nozze. Se matrimonio sarà il nuovo gruppo potrà contare su una capitalizzazione aggregata di oltre 37 miliardi di euro.

Con più di 3 mila filiali e oltre 44 mila dipendenti Sanpaolo Imi è il terzo istituto di credito italiano. Più ridotte le dimensioni della banca franco-belga che gode però di una maggiore capitalizzazione. Secondo alcuni analisti Sanpaolo Imi non sarebbe interessata tanto a una fusione quanto a un accordo con Dexia su settori specifici come il credito agli enti locali e il finanziamento delle opere pubbliche in cui l’istituto franco-belga è leader europeo. In alternativa alle nozze si fa strada anche un’altra ipotesi: la cessione di Sanpaolo Imi a Dexia della controllata Fideuram. Nessun progetto di fusione transfrontaliera ha mai riguardato, fino a oggi, una banca italiana.