ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Germania non cambia idea: no alle nozze tra Thales e EADS

Lettura in corso:

La Germania non cambia idea: no alle nozze tra Thales e EADS

Dimensioni di testo Aa Aa

Un matrimonio che non s’ha da fare. La Germania conferma il suo no all’unione tra la francese Thales e il consorzio europeo EADS, fortemente voluta da Parigi. A Berlino, alla riunione interministeriale franco-tedesca, Wolfgang Clement, ministro tedesco dell’economia, usa una perifrasi per ribadire la propria contrarietà.

“Siamo tutti d’accordo che è necessario mantenere un equilibrio industriale in Europa tra i nostri due paesi”. Equilibrio minacciato dalla fusione. Parigi controlla infatti il 13% di Thales. Se questo confluisse all’interno di EADS l’attuale distribuzione delle quote subirebbe un mutamento significativo. La Germania attraverso DaimlerChrysler e la Francia con la Holding statale Sogeade controllano una quota paritaria del 30% di EADS. È questo equilibrio che Clement vuole salvaguardare. Una posizione, quella del governo tedesco, fortemente sostenuta da DaimlerChrysler che non ha nessuna intenzione di perdere la propria posizione leader in un settore chiave come quello dell’aviazione civile. EADS controlla infatti Airbus. Ma l’azienda tedesca non intende rinunciare neppure alle lucrose prospettive legate al progetto Eurofighter, il caccia attraverso cui EADS va all’assalto di Boeing.