ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'UE rende omaggio a Yasser Arafat

Lettura in corso:

L'UE rende omaggio a Yasser Arafat

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Unione Europea ribadisce la sua volontà di impegnarsi per la pace in Medioriente attraverso l’alto rappresentante per la politica estera e la sicurezza comune, Javier Solana: “Pensiamo che in questo momento di grande tristezza- ha dichiarato a Bruxelles- dobbiamo fare tutto il possibile per rendere il miglior omaggio a Yasser Arafat, cercando di continuare a lavorare per tradurre in realtà il sogno di due stati … e di uno stato palestinese a cui l’Unione Europea ha contribuito e contribuirà con tutta la sua energia disponibile”

Alle condoglianze si sono uniti anche il presidente del parlamento europeo Josep Borrel e il presidente della commissione europea Romano Prodi. Il ruolo politico dell’Unione europea per una soluzione di pace è stato piuttosto limitato in passato, anche se ora grazie agli sforzi di Solana, l’Europa fa parte del quartetto, insieme a Stati Uniti, Russia e ONU, per rilanciare la road map. In compenso l’Unione è uno dei maggior contribuenti dell’autorità palestinese. Dal 1994 al 2002 la commissione europea ha versato oltre un miliardo e mezzo di euro per aiuti ai palestinesi. Questi sussidi hanno finanziato progetti per l’educazione, la magistratura e il rafforzamento delle istituzioni democratiche. Ma nel maggio del 2002, il governo israeliano ha presentato una relazione secondo cui i fondi europei sarebbero serviti per finanziare le attività di terroristi palestinesi. Secondo il rapporto Naveh, il 14% degli aiuti internazionali avrebbe finanziato bombe. L’Ufficio anti-frodi dell’unione europea, l’Olaf, ha aperto un’inchiesta, tutt’ora in corso. In base alle prime indagini, non è stato possibile dimostrare le accuse di Israele. L’Europa peró ha deciso di cambiare strategia. Bruxelles ha imposto un resoconto mensile delle spese di ciascun ministero palestinese. Gli aiuti europei sono ora mirati a singoli progetti. A garanzia della trasparenza, l’amministrazione è affidata ad un funzionario del fondo monetario internazionale. Quest’anno 250 milioni di euro sono destinati ai palestinesi.