ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Costa d'Avorio la situazione torna lentamente alla calma

Lettura in corso:

In Costa d'Avorio la situazione torna lentamente alla calma

Dimensioni di testo Aa Aa

È ancora lontana la normalità, ma la situazione a Abidjan, la capitale economica della Costa d’Avorio, sembra tornare lentamente sotto controllo. Dopo due giorni di disordini, durante i quali sono stati commessi saccheggi e atti vandalici ai danni dei cittadini francesi residenti nel paese, Parigi ha inviato altri 700 militari per assicurare gli interessi dei suoi cittadini.

Al momento non si parla di evacuazione degli stranieri da Abidjan, ma la preoccupazione soprattutto tra i francesi è palpabile. “Vivo qui da otto anni, sono stato attaccato mentre mi trovavo in auto. La macchina è stata completamente distrutta”. L’invito alla calma ieri è venuto dallo stesso presidiente Laurent Gbagbo, che nel suo primo discorso rivolto alla nazione dall’inizio della crisi ha invitato i cittadini a tenere i nervi saldi. La situazione è precipitata due giorni fa, quando caccia dell’esercito ivoriano, secondo fonti governative per un tragico errore, violando gli accordi dell’anno scorso, hanno bombardato, a Bouaké, una postazione militare francese facendo nove morti tra i soldati inviati da Parigi. Che ha risposto chiedendo la distruzione dei mezzi aerei impiegati nell’operazione. La misura ha fatto scattare la sollevazione popolare contro la presenza francese, una forza di stabilizzazione di 4000 uomini che, da due anni, insieme ai caschi blu, cerca di normalizzare il paese sconvolto dalla guerra civile.