ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'ultimo sette novembre per la Russia

Lettura in corso:

L'ultimo sette novembre per la Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

Decine di migliaia di nostalgici del Comunismo sono scesi in piazza a Mosca perl’anniversario del sette novembre, data su cui la polemica quest’anno è esplosa piu’ forte che mai.

Il Cremlino ha deciso di eliminare la festività. La Duma dovrà esaminare questasettimana il progetto di legge che prevede, dal prossimo anno, la cancellazionedel 7 novembre dal calendario festivo: la data sarà soppiantata dal 4 novembre elevato a Festa dell’Unificazione della Russia, in ricordo della cacciata dei Polacchi da Mosca nel 1612, un evento storico ben remoto. Da quando l’anniversario bolscevico è stato ribattezzato Giorno della Riconciliazione la città è spaccata à metà, quasi avesse due anime: da un lato i nostalgici della defunta Unione Sovietica che sfilano nel centro città sotto una gigantesca statua di Lenin, dall’altro i veterani della seconda guerra mondiale in parata sulla Piazza Rossa. Il giorno della Riconciliazione venne ribattezzato cosi’ nel 1996 da Boris Yeltsin per annacquare l’impronta comunista facendo sfilare i veterani in ricordo della storica parata del 7 novembre 1941 quando i Tedeschi erano alle porte di Mosca.