ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Falluja: Usa pronti all'attacco finale

Lettura in corso:

Falluja: Usa pronti all'attacco finale

Dimensioni di testo Aa Aa

L’attacco finale si avvicina. L’assedio cui le forze americane hanno sottoposto Falluja la scorsa notte ne è la conferma. Tutti gli appelli del governo iracheno alla popolazione locale perchè consegni i terroristi legati ad Al Zarqawi sono caduti nel vuoto. L’unico modo per normalizzare la roccaforte del leader legato ad Al Qaida è raderla al suolo dopo aver sfollato i civili.

È esattamente questo il piano concordato dal governo iracheno con le forze americane, nonostante le obiezioni mosse dal segretario generale dell’Onu Kofi Annan. 31 milioni di euro sono già pronti per la ricostruzione, affidata a imprese locali. A titolo di risarcimento per ciascun familiare morto negli scontri verranno riconosciuti 2 mila euro. Una ricompensa che gli abitanti della città vorrebbero evitare. Per questo il 65% dei 250 mila residenti ha già lasciato le proprie case. Molti hanno trovato ospitalità a Baghdad. In 12 mila si sono rifugiati in un complesso turistico a Habbaniyah, 20 chilometri a ovest di Falluja, ma in condizioni difficili. Mancano tende, materassi, viveri, acqua e farmaci. Un appello perchè qualcuno intervenga è stato lanciato da un notabile locale, Khaled Hammud. I rifugiati aspettano, gli Stati Uniti no e affilano le armi per l’attacco finale. Se Al Zarqawi è a Falluja ha le ore contate.