ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Costa d'Avorio, bombardate le città ribelli, devastate le sedi dell'opposizione

Lettura in corso:

Costa d'Avorio, bombardate le città ribelli, devastate le sedi dell'opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Precipita la situazione in Costa d’Avorio, dove l’esercito del presidente Laurent Gbagbo bombarda da due giorni le roccaforti dei ribelli nel nord e nelcentro del paese. Ad Abidjan il gruppo dei Giovani Patrioti, studenti militanti sostenitori di Gbagbo, ha manifestato in modo violento e incendiato e devastato le sedi di giornali e partiti d’opposizione, tra cui gli uffici dell’Unione dei repubblicani, formazione politica guidata da Alassane Ouattara, ex primo ministro ora sostenuto dai ribelli che lo vorrebbero candidato alla presidenza, ma che non possiede i requisiti di cittadinanza, avendo un solo genitore ivoriano.Non si conosce il numero delle vittime dei raid aerei tra la popolazione civile, nel paese diviso dagli anni Novanta tra il sud sotto controllo governativo e il nord in mano ai ribelli. L’Onu sta considerando l’opzione di un rafforzamento del suo contingente di pace, che affianca ai 4 mila soldati francesi 6 mila caschi blu dispiegati nella zona di sicurezza. Anche l’Unione africana ha espresso preoccupazione e ha convocato una riunione d’emergenza per oggi.