ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ohio, stato controverso: sarà un Florida bis?

Lettura in corso:

Ohio, stato controverso: sarà un Florida bis?

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ohio come la Florida? È lo scenario che potrebbe profilarsi nello stato dei Grandi Laghi americani. Qui i grandi elettori sono 20, venti voti decisivi per aggiudicarsi le elezioni.

Nell’Ohio sono state scrutinate oltre il 99% delle schede, Bush ha un vantaggio di 130mila voti circa ma restano da contare 250mila schede. A queste vanno aggiunte le schede di quanti non erano sulle liste elettorali e che verranno contate a parte, tra una decina di giorni: sono gli ormai famosi “provisional votes”, i voti provvisori. “Il risultato che vi daremo sarà affidabile, assicura il segretario di stato dell’Ohio, Ken Blackwell. Che ci vogliano due ore, due giorni o due settimane, gli elettori dell’Ohio potranno fidarsi del risultato. Sulle proiezioni e congetture varie non mi pronuncio.” Nel 2000 in Florida la pietra dello scandalo fu il voto manuale e le schede a punzonatura di discutibile interpretazione. Il riconteggio andò avanti per 36 giorni, con l’intervento della Corte Suprema che fissò una data limite, impedendo l’ennesimo conteggio manuale. Bush venne dichiarato vincitore con poco più di 500 voti di vantaggio su Gore. Mesi dopo, un nuovo riconteggio, di nessun valore legale, avrebbe dato un risultato contrario.