ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eurozona: il settore industriale è in stallo

Lettura in corso:

Eurozona: il settore industriale è in stallo

Dimensioni di testo Aa Aa

L’industria europea non cresce. A dirlo è l’indice Pmi relativo al settore manifatturiero dell’Eurozona. L’indicatore, calcolato fra 3.000 direttori degli acquisti, scende al livello piú basso degli ultimi dieci mesi assestandosi in ottobre a un deludente 52,4 contro il 53,1 di settembre.

Una flessione che si ritrova anche in Italia, Francia e Germania, ma che rispecchia il rallentamento dell’intera crescita dell’economia mondiale. Gli economisti si attendono un ulteriore calo. L’indice resta comunque al di sopra di 50 punti, soglia che separa l’espansione dalla contrazione economica. Per gli esperti le cause sono molteplici, a partire dall’effetto petrolio. I prezzi del greggio frenano le esportazioni e la crescita, ma anche l’andamento della moneta unica europea non aiuta. L’euro ha raggiunto la settimana scorsa il valore piú alto, rispetto al dollaro, degli ultimi otto mesi: un dato scoraggiante per la ripresa le cui basi poggiano sulle esportazioni.