ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chiusa la campagna elettorale, in Ucraina si temono brogli alle urne.

Lettura in corso:

Chiusa la campagna elettorale, in Ucraina si temono brogli alle urne.

Dimensioni di testo Aa Aa

Tensione alle stelle in Ucraina alla vigilia del voto per le presidenziali. Domenica 31 piû di trentasette milioni di cittadini andranno alle urne nella ex repubblica sovietica.In lizza ventiquattro candidati, ma ad avere reali possibilità sono in due: il premier in carica Viktor Yanukovitch, filorusso, e il filooccidentale Viktor Yushenko. Yanukovitch, pupillo del presidente uscente Kuchma, ha condannato i disordini che hanno accompagnato la campagna, mentre il suo avversario, il riformista Yushenko ha denunciato le minacce e le pressioni subite nelle settimane scorse, persino un tentato avvelenamento. I sondaggi li attestano entrambi intorno al 30 %, mentre il 69 % degli elettori teme brogli elettorali, malgrado la presenza di ben 600 osservatori internazionali. Troppo pochi per gli attivisti del movimento studentesco “Pora” (“E’ ora!”), uno dei gruppi più attivi nella contestazione che ha caratterizzato le ultime settimane. L’opposizione di Yushenko accusa l’attuale sistema politico di imbavagliare i mezzi d’informazione come le televisioni, di dilapidare risorse pubbliche e di esercitare pressioni indebite sull’elettorato per condizionarlo. Secondo il presidente Kuchma invece qualcuno nell’opposizione starebbe manovrando per far precipitare il paese in una guerra civile.