ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: campagna elettorale agli sgoccioli. The Boss con Kerry

Lettura in corso:

Usa: campagna elettorale agli sgoccioli. The Boss con Kerry

Dimensioni di testo Aa Aa

A pochi giorni dal voto si fa sempre più serrato negli Stati Uniti il testa a testa tra i due candidati nella corsa alla Casa Bianca. Kerry cavalca lo scandalo dell’esplosivo scomparso in Iraq e il presidente si difende dandogli dell’opportunista. Così Kerry, accompagnato dal cantante Bruce Springsteen, ha scelto la platea di MAdison nel Wisconsin per rispondere a tono.

“George W Bush dà spiegazioni vaghe e tenta in ogni modo di scaricare la colpa su altri. Ciò dimostra quanto sia convinto che le responsabilità siano di chiunque fuorché sue. Ma noi abbiamo bisogno di un presidente che si assuma le sue responsabilità e comprenda cosa significhi essere comandante in capo.” L’affondo del candidato democratico arriva poco dopo la diffusione di uno studio pubblicato dalla rivista Lancet, secondo il quale sarebbero almeno 100.000 i civili iracheni morti a causa della guerra, per lo più donne e bambini. La notizia ad effetto potrebbe spostare l’ago della bilancia a favore di Kerry, ad oggi in svantaggio di un punto. Bush serra le fila e attacca dal Michigan: “Kerry questa settimana ha continuato a criticare i nostri soldati in Iraq e ad ignorare i fatti”. L’amministrazione Bush si era difesa dalle accuse ipotizzando che l’esplosivo scomparso fosse sparito prima dell’arrivo dei soldati Usa, ma ora un video diffuso da un’emittente televisiva statunitense prova l’esatto contrario. Documenti che pesano come macigni.