ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Volkswagen: riprendono i negoziati per la riduzione dei costi

Lettura in corso:

Volkswagen: riprendono i negoziati per la riduzione dei costi

Dimensioni di testo Aa Aa

È l’ultima spiaggia: Volkswagen ha ripreso il negoziato con IGMetall, il potentissimo sindacato dei metalmeccanici, per il piano di riduzione dei costi. Per mettere sotto pressione i vertici aziendali, migliaia di operai hanno manifestato, bloccando l’attività per alcune ore. Un anticipo dell’agitazione che si avrà se non si troverà un accordo: per Volkswagen potrebbe trattarsi del primo grande sciopero della sua storia. Il portavoce del sindacato, Hartmut Meine, accusa l’azienda di aver sprecato l’ultima tornata negoziale, rifiutando con aggressività le proposte della controparte. “Cosa – dice – che ci ha sorpresi molto, e quindi oggi ci aspettiamo che Volkswagen faccia un passo in direzione del sindacato, e si possa quindi avviare un dialogo costruttivo” Il gruppo, che comprende Volkswagen, Audi, Seat, Skoda, Bentley, Bugatti e Lamborghini, mira ad un recupero della competitività: nei primi nove mesi di quest’anno, il volume d’affari è stato di quasi 67 miliardi e mezzo, in crescita del 5% rispetto allo scorso anno. Nel 2003 sono state prodotte oltre cinque milioni di vetture. 174.000 dipendenti delle fabbriche tedesche sono direttamente interessati al negoziato in corso. Per loro, IGMetall aveva chiesto aumenti dell’ordine del 4%, per poi scendere subito alla metà. La direzione invece vuole il congelamento dei salari, oggi più alti del 20% rispetto alla media del settore. Secondo Volkswagen, se non si cambia registro si dovrà presto licenziare, come ha fatto la concorrente Opel.