ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

RoyalDutch Shell: annunciata la fusione delle due holding

Lettura in corso:

RoyalDutch Shell: annunciata la fusione delle due holding

Dimensioni di testo Aa Aa

Più trasparenza, più efficienza: sono gli obiettivi per i quali RoyalDutch Shell ha deciso di fondere le due holding che compongono il gruppo. In effetti, le critiche si moltiplicavano soprattutto da gennaio, quando scoppiò lo scandalo delle sovrastime degli stock petroliferi del gruppo, la cui struttura bicefala rese difficile capire chi fosse responsabile di cosa. Ma anche prima, gli investitori lamentavano una sostanziale incapacità decisionale. Ora è deciso: RoyalDutch Shell, controllata al 60% da Royal Dutch e al 40% da Shell, diventerà finalmente una cosa sola, con una struttura sola e un management unificato. La sede sarà in Olanda, ma il titolo sarà quotato primariamente a Londra, e avrà come piazze secondarie Amsterdam e New York. Jeroen van der Veer, che guida la struttura bicefala attuale, sarà a capo anche del nuovo gruppo: e, presentando il progetto, ha parlato di “trasparenza, semplicità, efficienza e responsabilità”. “Questi -ha detto – sono gli arnesi di ogni dipendente Shell, e penso che tutto questo debba integrare la nostra cultura d’impresa, è questo il punto fondamentale”

Nel frattempo, il gruppo ha annunciato un fortissimo incremento dell’utile netto trimestrale, dovuto in larga misura agli alti prezzi del petrolio: una ragione in più per festeggiare in Borsa. Il titolo è in forte crescita.