ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giappone: la terra trema ancora

Lettura in corso:

Giappone: la terra trema ancora

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre duecento scosse di assestamento si sono susseguite da ieri dopo il terremoto che ha devastato il nord del paese sfiorando i sette gradi della scala Richter.

Il bilancio si è aggravato: le autorità parlano di una ventina di morti, tra i quali diversi bambini, e di circa mille e quattrocento feriti. Il sisma ha messo in ginocchio la regione di Niigata, zona montagnosa circa 250 chilometri a nord di Tokyo. 67 mila persone sono state evacuate: molte hanno passato la notte in improvvisati centri di accoglienza, altri all’addiaccio o nelle vetture. 280 mila abitazioni sono rimaste senza corrente elettrica. I soccorritori cercano di tamponare anche la penuria di acqua potabile di generi di prima necessità. Le frane hanno isolato interi paesi: le condizioni del trreno preoccupano gli esperti, appena una settimana fa il Giappone aveva fatto i conti con l’ennesimo tifone, il decimo dall’inizio dell’anno, un record. Per la prima volta in 40 anni è deragliato un treno ad alta velocità: otto vagoni sono usciti dai binari tra le località di Urasa e Nagaoka, senza comunque provocare feriti. Quello di ieri è stato il terremoto piú micidiale degli ultimi nove anni: nel ’95 a Kobe, morirono 6.400 persone.