ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue. Barroso tira dritto e rischia il no dell'Europarlamento.

Lettura in corso:

Ue. Barroso tira dritto e rischia il no dell'Europarlamento.

Dimensioni di testo Aa Aa

Prendere o lasciare. L’Europarlamento ora è di fronte a un bivio.Il presidente designato della futura Commissione Europea José Manuel Durao Barroso ha deciso di non cedere alle richieste del fronte anti Buttiglione che voleva che al commissario italiano venisse attribuito un portafoglio diverso da quello alla giustizia, libertà e sicurezza.

L’incontro di ieri con i presidenti dei diversi gruppi parlamentari non è servito ad attenuare le tensioni.Il successore di Romano Prodi ha concesso il minimo proponendo di affidare le iniziative su discriminazioni e diritti ad un gruppo di quattro commissari, presieduto dallo stesso Barroso e comprendente anche lo stesso Buttiglione.“La responsabilità delle nomine dei singoli commissari resta mia. Il Parlamento poi sarà libero di fare le sue scelte” ha spiegato. Per socialisti, verdi, sinistra e liberaldemocratici i cambiamenti proposti sono solo di facciata.“Avevo detto a Barroso che se voleva il voto positivo del mio gruppo doveva modificare qualcosa ma la sua risposta è stata negativa. Dunque noi voteremo contro la nuova commissione” ha spiegato a fine giornata Martin Schultz capogruppo socialista. Buttiglione ha intanto cercato di smussare le polemiche ammettendo,di aver sbagliato ad esprimere opinioni personali su omosessuali e famiglia nel corso delle audizioni parlamentari dello scorso cinque ottobre. Barroso lo ha ricambiato decidendo di non mollarlo.Un voto negativo dell’Europarlamento aprirebbe una grave crisi istituzionale e l’ex premier portoghese scommette che non tutti i suoi oppositori saranno disposti a giocare fino in fondo questa rischiosa partita.