ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Margaret Hassan, dirigente umanitaria innamorata dell'Iraq

Lettura in corso:

Margaret Hassan, dirigente umanitaria innamorata dell'Iraq

Dimensioni di testo Aa Aa

Margaret Hassan, nata a Dublino 52 anni fa, ha acquisito la nazionalità irachena per matrimonio. Da 30 anni vive in Iraq, e chi la conosce dice che si sente irachena fino in fondo, tanto da non aver mai espresso l’intenzione di tornare a vivere in Europa.Al servizio dei poveri da oltre 25 anni, Margaret Hassan è una dirigente umanitaria conosciuta e rispettata.Prima della guerra, aveva avvisato i parlamentari britannici che l’Iraq avrebbe vissuto una catastrofe umanitaria in caso di conflitto, aggiungendo che l’embargo aveva già ridotto la popolazione in condizioni peggiori di quanto lo fosse subito dopo la guerra del Golfo del 1991. Dice di lei Harold Walker, ex ambasciatore britannico in Iraq: “Margaret, come rappresentante di Care in Iraq, ha fatto moltissimo per gli iracheni. Care è l’unica Ong internazionale a essere rimasta attiva nel centro dell’Iraq, e non nel nord, durante gli anni peggiori, l’ultimo decennio, contribuendo al rinnovamento degli impianti idrici di scuole e ospedali, un lavoro straordinario per la popolazione irachena. Speriamo allora che i rapitori si rendano conto di questo, si rendano conto che il cuore di Margaret è con gli iracheni e la lascino libera”.Care international è una delle maggiori organizzazioni umanitarie indipendenti del mondo. Apolitica e aconfessionale, opera in 72 paesi in Asia, Africa, America Latina, Medio Oriente ed Europa dell’Est, con progetti che vanno a beneficio di quasi 30 milioni di persone ogni anno.