ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Protesta europea contro la General Motors: si mobilitano a decine di migliaia

Lettura in corso:

Protesta europea contro la General Motors: si mobilitano a decine di migliaia

Dimensioni di testo Aa Aa

Protesta generale in tutta Europa contro la General Motors e il suo piano di ristrutturazione che prevede il taglio di 12dmila posti di lavoro.

Manifestazioni in Austria, Belgio, Spagna, Ungheria, Portogallo e naturalmente Germania, in particolare alla Opel di Bochum, dove si paga il prezzo più alto: si prevedono sino a 10mila licenziamenti. In questo stabilimento storico si sciopera a singhiozzo da sei giorni: le conseguenze si sono fatte sentire ad Anversa, dove la produzione della Astra, per esempio, si è fermata per la mancanza di pezzi prodotti proprio a Bochum. “Questo non è uno sciopero, dice un manifestante, è un messaggio alla direzione. Siamo decisi a non rinunciare al posto di lavoro e combatteremo sino alla fine.” Stesso scenario a Ruesselsheim, vicino a Francoforte: la cittadina “è” la Opel: in circa 15mila sono scesi in piazza, a sostegno anche dei sindacati in fase di trattative. La direzione ha fatto un primo gesto, impegnandosi a mantenere in attività gli stabilimenti anche dopo il 2010, a condizione di migliorare la competitività. A Kaiserslautern, nell’ovest della Germania, i lavoratori Opel hanno continuato almeno in parte il loro turno pur partecipando a una marcia di solidarietà coi colleghi che rischiano il posto.